Come farsi ascoltare dagli uomini con la serietà che meritiamo?

Sarà capitato anche a voi di sentirvi frustrate perchè non siete state capaci di farvi ascoltare. Tranquille il problema non è vostro, ma ha a che fare con il genere e con i meccanismi profondi della cultura occidentale. Lo spiega bene Mary Beard nel libretto “Donne e potere”. Come storica dell’antichità Classica va all’origine del problema e mette in luce i meccanismi che impongono alle donne il silenzio, le ragioni per cui non vengono prese sul serio con la consegueza di essere tagliate fuori dai centri di potere.

All’alba della tradizione letteraria dell’ Occidente Penelope, che viene zitita dal figlio Telemaco “perchè la parola spetta agli uomini”, è il primo esempio di una donna che viene messa a tacere da un uomo e che esce di scena. Da Aristofane a Ovidio, da Valerio Massimo a Plutarco ne seguiranno altri a dimostrazione di come fin dall’antichità classica, alle donne sia stato sottratto il diritto di parola e insieme a esso la possibilità di accedere al discorso pubblico. Negata e svilita la voce femminile nei secoli è stata ridotta al silenzio. Un silenzio che pesa ancora sulla capacità delle donne di essere ascoltate, prese sul serio, considerate per i loro talenti e competenze.

“Donne e potere” di Mary Beard, tutte le donne dovrebbero leggerlo. E’ un piccolo librettino che raccoglie il contenuto di due conferenze tenute dall’autrice presso il British Museum nel 2014 e 2017 e che mette in luce quanto sia alto il prezzo da pagare per rivendicare la libertà di parola.